Archivio

Archivio

La storia dei cerchi nel grano

Mowing-Devil, an English pamphlet published in 1678, is the first recorded mention. Other sources also mention wheat plots that have been flattened.

The first modern-era circle was established in 1972, when two eyewitnesses (Arthur Shuttlewood and Bruce Bond) sat on a hillside on a moonlit night in England, hoping to see the elusive unidentified flying object that had made this region of England a mecca for ufologists.

However, the phenomenon did not become widely recognized until the late twentieth century, and then only in the early 1990s. Just about 500 different figures were discovered in 1990, and by the following years, the number had grown to many thousands.

The figures became more complicated over time, starting out as basic circles. Modern “circles” are often intricate figures. A figure discovered on August 14, 2001 in Wiltshire, for example, has a diameter of about 450 meters and 409 circles.

Douglas Bauer and David Chorley, both from the United Kingdom, claimed to be the first hoaxers in 1991, claiming to have built more than 250 crop circles with rope and sticks since 1978, thereby setting off the phenomenon. Le informazioni sono state prese da Wikipedia.org.

Oggetti di prova per la definizione delle caratteristiche ottiche delle attrezzature fotografiche satellitari

C’√® anche l’idea che le figure sui campi e altri geoglifi siano stati fatti per descrivere le caratteristiche ottiche delle attrezzature fotografiche usate dai satelliti artificiali della Terra. I geoglifi nelle loro forme corrette sono molto utili per stimare le distorsioni geometriche, e le distanze tra loro corrispondono approssimativamente al potere risolutivo degli apparati fotografici satellitari in quegli anni.

Dato che i programmi per creare satelliti fotografici erano principalmente a scopo di ricognizione per diversi anni ed erano esclusivamente segreti, i sostenitori di questa teoria possono spiegare la mancanza di conoscenze ufficiali su questi oggetti.

Le obiezioni a queste teorie dell’emersione si basano sul fatto che un’ispezione ravvicinata di alcune delle figure mostra intricati cambiamenti nella struttura delle piante che sono difficili da replicare con la tecnologia attuale.

La contro-argomentazione fa anche notare la difficoltà e la grande scala di alcune delle formazioni, che sono difficili da costruire durante la notte. Le informazioni sono state prese da Wikipedia.org.

Scroll to top