Alieni perché non si fanno vedere: Longevità delle civiltà evolute

L’equazione di Drake include la durata media della vita delle società tecnologicamente sofisticate. Drake ha stimato 10.000 anni (da quando cominciano ad essere in grado di comunicare con le onde radio). La scomparsa di una civiltà può essere dovuta a fattori naturali o culturali. Esistono gli alieni?

Qui ci sono altri articoli: https://cropfiles.it/2021/10/13/mostri-contro-alieni-personaggi-in-arrivo-mostri-contro-alieni/

Una strana trasmissione radio captata nel 2020; rivista reviews.

Il Guardian riporta che il segnale di Proxima Centauri è “degno di attenzione”. Haitong Yu/Getty Dopo un’epidemia mondiale, sono rimasti solo gli alieni. Una ricerca su un segnale radio rilevato nel 2019 dal sistema stellare più vicino Proxima Centauri, situato a soli 4,2 anni luce, dovrebbe essere pubblicata all’inizio del 2021. Come risultato, il segnale sembra essere focalizzato su una singola frequenza, 982 MHz, che è più caratteristico di eventi artificiali che naturali.

Il Guardian ha pubblicato la scoperta, e gli esperti che lavorano all’analisi dei dati hanno detto a Scientific American che c’è ancora altro lavoro da fare, ma la curiosità è giustificata. 

Secondo Andrew Siemion uomo della UC Berkeley, il fenomeno “non può ancora essere spiegato” e richiede ulteriori ricerche. “Il segnale occupa una gamma molto limitata dello spettro radio: 982 megahertz, che di solito è privo di trasmissioni satellitari e veicoli spaziali artificiali. “Non conosciamo alcun metodo naturale per comprimere la radiazione elettromagnetica”, ha aggiunto.

I “cercatori di segnali alieni” sono preoccupati perché confermare la natura “non naturale” del segnale potrebbe significare che il nostro sistema planetario più vicino contiene una civiltà sofisticata.

Alieni perché non si fanno vedere: L’opinione della comunità scientifica di mondo

La comunità scientifica è il più grande detrattore del rapimento, dicendo che è impossibile valutare se le prove sono genuine o meno. Da un punto di vista scientifico, non ci sono prove che questi “rapimenti” siano avvenuti. La comunità scientifica attribuisce generalmente il fenomeno (l’idea di essere rapiti da un’intelligenza aliena) a ragioni psicologiche, fisiologiche e talvolta psicopatologica. Altri come sofisticate allucinazioni elettromagnetiche tra specifiche fonti di energia elettrica e il complesso sistema neuro-elettrico del cervello umano. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che l’ipnosi regressiva non offre prove definitive del rapimento alieno, poiché può solo dimostrare che il paziente non ha mentito, ma non se si è trattato di un evento autentico o immaginato. La psicologia ufficiale sta ora criticando la programmazione neurolinguistica da un punto di vista epistemologico.

Un esame di venti individui che pensano di essere stati rapiti dagli alieni ha rivelato una propensione più alta del solito all’immaginazione, alle allucinazioni, alla dissociazione e alla credenza paranormale. French ha concluso che non c’era motivo di pensare che questi individui fossero stati rapiti dagli alieni. Secondo lo psicologo Frederick Malmstrom, Haim Eshed il modo in cui i rapiti descrivono l’aspetto degli extraterrestri è notevolmente simile a come un bambino percepisce il volto della madre. Questa immagine rimarrebbe nella mente e riappariranno durante il sonno, quando avviene la maggior parte dei rapimenti alieni, o anche durante la regressione ipnotica.

Alieni perché non si fanno vedere: Scala Kardashev

Passiamo ad alcune idee più intriganti. Nel 1964, l’astronomo sovietico Nikolai Kardashev propose un metodo per classificare le specie in base al loro sviluppo tecnologico. Kardashev ha sviluppato una scala basata sulla capacità teorica di immagazzinare energia di ogni specie. 

Secondo Kardashev, le civiltà planetarie sono quelle che hanno raggiunto gli strumenti tecnici per estrarre e immagazzinare tutta l’energia del loro pianeta, pari a 4 1019 erg/secondo da fusione nucleare, antimateria e fonti rinnovabili. Si sono sviluppate al spazio punto da poter immagazzinare tutta l’energia prodotta dalla loro stella (circa 4103 erg/secondo) in qualcosa come una sfera di Dyson. Infine, le civiltà galattiche sono quelle che possono sfruttare l’energia di un’intera galassia ad una velocità di 41044 erg/secondo. In altre parole, poiché l’Universo ha 14 miliardi di anni e il nostro sistema solare ha solo 4 miliardi e mezzo di anni, è giusto supporre che qualche civiltà aliena abbia raggiunto il terzo stadio. Quindi, torniamo alla domanda iniziale: come mai non abbiamo visto niente e nessuno?

Alieni perché non si fanno vedere: Questione matematica

Poco da fare. Per discutere davvero di scienziato, piuttosto che di fantascienza, dobbiamo partire dalla matematica. In particolare l’equazione di Drake, ideata nel 1961 dalles astronomo americano Frank Drake per stimare il numero di civiltà aliene capaci di comunicare nella nostra galassia. Essa è:

R* x f Quindi, l’equazione include sette variabili: il tasso medio annuo di formazione di nuove stelle nella Via Lattea; la frazione di stelle che hanno pianeti; il numero medio di pianeti nella zona abitabile, cioè abbastanza vicini alla loro stella perché possa esistere acqua liquida sulla loro superficie; la frazione di questi pianeti su cui si è sviluppata la vita; la frazione di vita intelligente su questi pianeti.

Alcune di queste variabili sono già note: nella Via Lattea, una nuova stella viene creata ogni anno, e ci sono centinaia di miliardi di pianeti, un quinto dei quali sono abitabili. Per questo, il valore di N è ancora estremamente ampio, andando da uno a diecimila. Se il numero fosse nelle decine di migliaia, la domanda di Fermi sarebbe ancora più paradossale: dove sono tutti?

Alieni perché non si fanno vedere: Lo scenario più triste: siamo soli.

Finalmente, le risposte. Una potenziale risposta. La prima, e più triste, teoria afferma che siamo soli. La Earth Rarity Hypothesis afferma che l’emergere della vita multicellulare sul nostro pianeta ha avuto bisogno di un’improbabile confluenza di eventi astronomici e geologici. L’esistenza di una magnetosfera e di una tettonica a placche, un particolare equilibrio biochimico nella litosfera, nell’atmosfera e negli oceani, il verificarsi di glaciazioni e la rarità di impatti con meteoriti e altri corpi sono tutti elementi che hanno reso possibile l’abiogenesi, dicono i sostenitori di siamo unici e soli. Astrofisico Michael Hart, che nel 1975 pubblicò “Spiegazione dell’assenza di extraterrestri sulla Terra”, e il matematico Frank Tipler, autore di “La vita extraterrestre inteligente non esiste”, sostengono entrambi questa ipotesi.

Un planetario

Oltre alla teoria della rarità, sono state sviluppate diverse ipotesi interessanti. Una è la cosiddetta teoria del planetario, proposta nel 2001 da Stephen Baxter. “Una possibile soluzione al paradosso di Fermi è che viviamo in un Universo artificiale, forse una sorta di realtà virtuale”, scrive Baxter in “The Planetarium Hypothesis – A Solution to the Fermi Paradox”. Questi calcoli ci permettono di determinare l’energia necessaria per produrre questo tipo di simulazione, coerente con l’energia di una civiltà di terzo tipo”. Chiamate ologramma, realtà virtuale, simulazione o Matrix. Non sapremo mai se è vero.

Alieni perché non si fanno vedere: Alieni freddi

Un’altra rotazione della ruota. Anders Sandberg e Stuart Armstrong, neuroscienziati dell’Università di Oxford ed esperti di intelligenza artificiale, e Milan mirkovic, astronomo dell’Osservatorio Astronomico di Belgrado, hanno recentemente proposto che non abbiamo visto alieni intelligenti perché hanno scelto di andare in letargo, aspettando tempi migliori. Secondo gli autori (che ammettono di non prendersi troppo sul serio), “la radiazione cosmica di fondo mantiene la temperatura media dell’Universo più o meno vicina a 3 Kelvin”. Questo migliorerà l’efficienza energetica rendendo l’elaborazione delle informazioni più efficiente man mano che l’Universo si espande”. Quindi, gli alieni sarebbero progrediti al punto di sostituire le loro componenti biologiche con componenti elettriche più potenti e sofisticate, e avrebbero scelto l’ibernazione per conservare l’energia necessaria al loro sostentamento. Possibile? Sì. Probabile? Troppo poco.

Alieni perché non si fanno vedere: FIFO

Concludiamo con l’ultima teoria. E forse la più triste. “First in, last out”, dice Alexander Berezin della National Research University of Electronic Technology (Miet). Una panoramica. “Il problema con alcune delle risposte all’enigma di Fermi è che definiscono la vita extraterrestre in modo troppo ristretto”, aggiunge Berezin. La vita extraterrestre può essere costituita da creature biologiche come noi, intelligenze artificiali che si rivoltano contro i loro creatori, o cervelli 10 enormi, simili a pianeti, sparsi nell’Universo. Tutto questo è irrilevante: l’unico parametro che conta è la probabilità di rilevare tali forme di vita entro un determinato intervallo di distanza dalla Terra. A mio parere, la prima forma di vita capace di viaggi interplanetari sceglierà di spazzare via tutti i concorrenti per espandersi senza ostacoli. “First in, last out” implica questo. Possiamo solo sperare, un po’ egoistamente, nel nostro turno.

Alieni perché non si fanno vedere: Longevità delle civiltà evolute

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top