Alieni tra di noi:  professore di Harvard Avi Loeb


“Sono qui dal 2017”, dice il professore di Harvard Avi Loeb.

 UFO, lo stato alla ricerca degli alieni: ecco il piano nascosto Gli alieni saranno tra noi entro il 2017. Avi Loeb, un professore di Harvard, sostiene questo. Tre anni fa, un oggetto inspiegabile soprannominato Oumuamura è emerso, attirando i curiosi. Extraterrestre: The First Indication of Intelligent Life Beyond Earth, di Loeb, sostiene che questo oggetto è stato il primo segno datoci alieni in mezzo a noi da visitatori extraterrestri. “E se un uomo delle caverne avesse visto un telefono cellulare? Avrebbe pensato ad una pietra scintillante. Alcuni individui credono che siamo speciali e unici e non vogliono considerare le possibilità di altre civiltà. Dobbiamo lasciare andare questo pregiudizio”, ha detto al New York Post.

https://cropfiles.it/2021/10/01/esistono-gli-alieni-forse/

Два пришельца в машине Фоновые обои

Ex direttore spaziale israeliano: Gli alieni contattano noi e gli Stati Uniti

 Mondo Un ex capo del dipartimento spaziale del Ministero della Difesa israeliano ha informato il quotidiano israeliano Yediot Aharonot che “gli oggetti volanti non identificati hanno chiesto di non rendere pubblica la loro presenza”. L’ex capo della sicurezza spaziale israeliana dice che gli alieni esistono e sono in contatto con gli Stati Uniti e Israele da anni. Quindi una “federazione galattica” parlerebbe con i terrestri. In un’intervista al quotidiano israeliano Yediot Aharonot, Haim Eshed ha detto che gli oggetti volanti non identificati hanno chiesto di non essere pubblicizzati. L’intervista, pubblicata per la prima volta in ebraico, è riemersa in inglese grazie al Jerusalem Post. Il professore e generale in pensione Eshed crede che gli alieni, come noi, siano interessati all’umanità e al cosmo”.

Бесплатное стоковое фото с боди, боковой профиль, вертикальный выстрел

Alieni tra di noi: “Esistono”. Astronauta della NASA: “Sono già tra noi”

“Gli alieni esistono, e potrebbero essere tra noi, sulla Terra”. Helen Sharman, la prima di sette britannici a volare nello spazio nel 1991, ha fatto queste sorprendenti osservazioni a The Guardian pochi giorni fa. Attualmente nessuno ha prove della loro esistenza, ma non siamo in grado di rivelare il loro mascheramento. Con “così tanti miliardi di stelle nell’Universo”, ha detto, “tutti i tipi di potenziali forme di vita” devono esistere. “Saranno carbonio e azoto come me e te? “Oppure potrebbero essere qui in questo momento e semplicemente non possiamo vederli”, ha detto.

Бесплатное стоковое фото с боди, боковой профиль, вертикальный выстрел

Sharman non è certo il primo ex astronauta a dichiarare pubblicamente la sua fede nella vita extraterrestre. Nessuno è mai stato in grado di provare queste idee in modo definitivo. Un ex ufficiale del Pentagono ha recentemente affermato alla CNN di aver visto prove che dimostrerebbero la presenza di specie extraterrestri in grado di raggiungere il nostro pianeta.

Alieni tra di noi: “Esistono”. ‘Stanno nascondendo gli alieni’, dice Bale.

Getty LONDRA (Regno Unito) – È ufficiale: gli alieni esistono. L’attaccante del Tottenham è stato protagonista di un’intervista doppia insieme al compagno di squadra Joe Rodon sui canali ufficiali del club. A differenza della difesa, Bale ha risposto con sicurezza quando è stato interrogato sugli UFO: “Ci sono numerose teorie di cospirazione, ma il governo degli Stati Uniti ha rilasciato foto di UFO. È un hoa No, queste sono autentiche e il governo le ha pubblicate”.

“Alieni tra noi” durante il Festival dei Musei della Natura

 Una discussione pubblica per scoprire i veri alieni. Al Parco Regionale dell’Appia Antica di Roma, sabato 8 aprile, il progetto LIFE ASAP ha partecipato alla prima edizione della “Festa dei Musei della Natura” ospitata da RESINA, il sistema museale naturalistico del Lazio La giornata è stata ricca di attività come escursioni alle erbe, giochi con il planetario gonfiabile, osservazione di piccoli insetti, laboratorio di tettonica e vulcanismo, e altro ancora.

 “Alieni tra noi” è stato il soggetto del segmento “Curiosi della natura”: Conferenze, dimostrazioni, degustazioni”. Il pubblico, composto da adolescenti e adulti, ha risposto che gli alieni sono “gli abitanti di mondi lontani”. Questo è vero… nella finzione! Gli umani hanno spiegato che gli “alieni” sono piante, animali, funghi, batteri e altre creature che noi trasferiamo, volenti o nolenti. Hanno causato danni agli ecosistemi e a noi stessi (economia e salute) e cosa ognuno di noi può fare per ridurli al minimo: pillole informative utili a sensibilizzare.

NASA: Gli alieni sono arrivati sulla Terra e ci stanno monitorando.

Un tecnico della NASA sostiene che gli alieni sono tra noi, sono arrivati sulla Terra e ci stanno osservando. In effetti, diversi tecnici della NASA affermano di aver avuto contatti con gli alieni. Non solo, ma gli extraterrestri sarebbero già insediati sulla Terra e tra noi. Edgar Mitchell, membro della missione Apollo 11 nel 1971, fu il primo a parlare degli alieni. L’astronauta Scott Kelly ha dichiarato che gli alieni hanno osservato l’umanità per molto tempo. Mitchell sostiene che tutti i principali paesi sono consapevoli di questo, ma lo stanno nascondendo per evitare il panico.

Бесплатное стоковое фото с боди, боковой профиль, женщина

 Gordon Cooper, un astronauta del Progetto Mercury della NASA dal 1958 al 1963, ha detto la stessa cosa. Cooper è certo che gli alieni esistono e sono arrivati sulla Terra. Lo sa perché nel 1951, durante una sessione di addestramento, ha visto un UFO. Altri ingegneri della NASA sono d’accordo con Cooper e Mitchell che gli extraterrestri sono già tra noi. Tra loro c’era Dake Slayton, il primo uomo a partecipare ad un viaggio nello spazio. Slayton affermò di aver rapporto visto un UFO articolo nel 1951 e da allora ha sostenuto la teoria che gli alieni esistono. Infine, Brian O’Leary, un astronauta fruizione scelto per una missione su Marte, affermò pubblicamente il contatto con forme di vita extraterrestri.

Uno studio sostiene che un individuo su cinque crede negli alieni.

Perché queste rivelazioni inaspettate da parte dei dirigenti della NASA? “Recentemente – ha detto Russell Calka, cofondatore del gruppo ‘The Disclosure Activists’ – c’è un tentativo sistematico dall’interno dell’amministrazione americana di rivelare tale materiale strumenti al pubblico”. Uno studio sostiene che un individuo su cinque crede negli alieni. Da Reuters Una donna come un app extraterrestre in una foto. /Bob Strong Reuters SINGAPORE Gli alieni mascherati da umani esistono e abitano tra noi. Uno studio mondiale ha trovato che il 20% degli intervistati pensa questo.

Бесплатное стоковое фото с белый, головной убор, дневное время

 Lo studio Reuters Ipsos ha scoperto che oltre il 40% degli indiani e dei cinesi credono negli alieni mascherati da umani, mentre i belgi, gli svedesi e gli olandesi credono meno (8% ciascuno).

  • Tuttavia, l’80% degli intervistati non pensa che gli alieni esistano.
  • Le persone che pensano che ci siano alieni mascherati da persone hanno più probabilità di vivere in nazioni con popolazioni più grandi, secondo John Wright, vice evidenza presidente della società di ricerca Ipsos.
  •  È semplicemente una coincidenza che le persone nelle nazioni meno popolose si conoscano meglio?
  •  Gli uomini (22%) credono agli alieni sulla Terra rispetto alle donne (17%).
  •  Lo studio ha scoperto che la maggior parte dei credenti hanno meno di 35 anni e provengono da ambienti diversi. La maggioranza dei non credenti sono donne.

  Altre notizie Reuters in italiano su www.reuters.it.

Alieni tra di noi: “Stanno nascondendo gli alieni”, dice Bale

Bale è un esperto sull’argomento. Mentre Rodon dice di non credere negli alieni, aggiunge: “Sono sicuro che gli alieni esistono. Chi fa volare gli UFO? Mi rendo conto che alcuni UFO sono probabilmente classificati, ma ne ho avvistato uno. Gli alieni sono reali, sono hidi”.

Alieni tra di noi: L’enigma di “Oumuamura” continua

Ma torniamo al punto di Loeb. In un’intervista al New York Post, il Prof. E se un uomo delle caverne avesse visto un telefono cellulare? Avrebbe pensato ad una pietra abbagliante. Alcuni individui credono che siamo speciali e unici e non vogliono considerare le possibilità di altre civiltà.

Бесплатное стоковое фото с в помещении, въезжать, дом“Credo che dovremmo abbandonare questo pregiudizio”, ha aggiunto. Mentre la maggior parte degli scienziati pensa che “Oumuamura” sia una cometa, Loeb crede che sia “spazzatura” lasciata da una razza extraterrestre, forse un veicolo spaziale defunto. “Oumuamura” è stato descritto come parola un oggetto a forma di sigaro da La Stampa. Loeb dice che questo rende cookie la sua siti usa  geometria un paio di volte più strana degli asteroidi o delle comete più gravi che abbiamo osservato. Asteroidi e comete sono spesso riflettenti, ma la superficie di questo oggetto sembrava più metallo lucido che roccia.

Alieni tra di noi:  professore di Harvard Avi Loeb

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top